lunedì 8 gennaio 2018

RECENSIONE "IL RAGAZZO INVISIBILE" 2014 DI GABRIELE SALVATORES

Rieccomi sul blog dopo la pausa natalizia. In questo periodo ho visto tanti film, cominciamo dal ragazzo invisibile di Gabriele Salvatores.
Questo film lo dovevo andare a vedere al cinema anni fa, poi per un colpo di genio, un film italiano sui supereroi non mi convinceva anche se era diretto dal grande Gabriele Salvatores, regista di "Mediterraneo", ho preferito guardarlo in televisione. E tutto sommato ho fatto bene! Michele è un ragazzo di 13 anni abita a Trieste, non è molto inserito a scuola, è vessato dai bulli ed innamorato di una compagna di classe che non lo considera (i tipici problemi dell'adolescenza!). Una sera va ad una festa in maschera con un costume alquanto bruttino e i bulli lo prendono in giro (Michele ha indossato un costume comprato con pochi soldi dai cinesi). Così scappa, torna a casa e la mattina dopo si sveglia improvvisamente invisibile. Ovviamente il ragazzino è sconvolto e pensa sia stato il costume a renderlo invisibile, ma dopo un primo momento di spavento, Michele decide di usare l'invisibilità a suo favore per vendicarsi dei suoi nemici (lo fa in maniera piuttosto comica a dire il vero e il culmine lo raggiunge quando va nello spogliatoio delle ragazze!). A complicare le cose c'è l'incontro misterioso con un uomo cieco che gli rivela di essere il suo vero padre e alcuni suoi compagni di classe vengono misteriosamente rapiti, tra cui la ragazzina di cui Michele é innamorato. Il ragazzo invisibile decide di intervenire. Salvatores ha inventato il primo supereroe italiano e questo fatto lo apprezzo però la storia anche se è carina è scontata, non brilla per originalità ed è adatta soprattutto ad un pubblico adolescente. È un mix tra la saga degli X-Men (Michele è figlio di due "speciali" che in seguito ad esperimenti hanno mutato i geni e sono diventati mutanti così un esercito privato li ha radunati e rinchiusi in un campo di prigionia per studiarli), Batman (la ragazzina di cui è innamorato Michele lancia un Bat-segnale per essere salvata neanche fosse la polizia di Gotham City!!), I fantastici 4 e gli Gli incredibili (Michele indossa una tuta nera datagli dal padre, fatta di un tessuto che reagisce al potere e diventa invisibile anche essa). Però il film ha alcuni pregi, l'ambientazione a Trieste (adoro questa città), una fotografia dai toni freddi tipica dei fumetti. Il cast composto da famosi attori italiani come Valeria Golino nei panni della madre di Michele, Fabrizio Bentivoglio nei panni di un psicologo, invece, non convince e il più bravo risulta il ragazzino invisibile semisconosciuto interpretato da Ludovico Girardello.
Il 4 gennaio è uscito pure il sequel "Il ragazzo invisibile 2" dove il nostro Michele è cresciuto ma ha sempre dei problemi. Deve imparare a vivere con i suoi poteri e a complicare le cose rispuntano dal nulla la sua vera madre che lui credeva morta e la sua sorella gemella, due donne molto particolari (una invisibile e l'altra che prende fuoco come la torcia umana). Anche questo secondo capitolo lo guarderò in televisione, comunque "Il ragazzo invisibile" si merita un 6 anche perchè Gabriele Salvatores si è buttato in un’esperienza nuova del cinema con un fantasy made in Italy.

17 commenti:

  1. Cara Vanessa, lo ho visto e lo ho trovato abbastanza interessante.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì è carino tutto sommato. 😊 Ciao e buona giornata Tomaso!😄

      Elimina
  2. Io l'ho trovato carino questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto sommato sì, anche se la storia è un po' scontata.🌺

      Elimina
  3. A me invece non mi è quasi per niente piaciuto, anche se la sufficienza la strappa ;)

    RispondiElimina
  4. Il regista è bravo ma forse per questo genere non va bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fare un fantasy made in Italy è difficile e soprattutto girare un film innovativo. Comunque il film merita la sufficienza.😊

      Elimina
  5. Ciao vanessa, il primo capitolo l'ho visto in tv e mi è piaciuto, anche se ha preso spunto dai film americani, ho trovato ugualmente interessante il film. Aspetto di vedere il capitolo secondo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao 👋 Alice ben ritrovata!😊 Sì tutto sommato il primo film è carino, il secondo è ancora meglio, ho letto diverse recensioni che lo confermano. Anch'io aspetto in Tv di guardare il secondo capitolo.😊

      Elimina
  6. Ancora non l'ho visto, non riesco a capire se mi ispiri o meno ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È carino anche se ha dei difetti, se ti piacciono i film con i supereroi te lo consiglio!😊

      Elimina
  7. All'epoca non lo vidi e sinceramente lo avevo rimosso sino a quando non hanno fatto la pubblicità del secondo film. A breve penso proprio che ci farò un pensierino. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una serata spensierata a tema supereroi va benissimo!😊 Il secondo film da quanto dicono è migliore.😊

      Elimina
  8. A me piacque, pur coi suoi limiti.
    Certo, la storia del bat-segnale è una citazione giocosa; ti assicuro che il sequel è molto più bello e la trama per nulla scontata, anzi... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto la tua recensione 😊 ora sono curiosa di vedere il sequel!😊

      Elimina
  9. Noi da triestini l'abbiamo visto se non altro per curiosità per l'ambientazione,ma a parte la storia scontata e raffazzonata/scopiazzata,secondo me il vero,grosso problema di questo filmetto è che gli attori SONO DEI VERI CANI,pure Bentivoglio e la Golino,che ne han fatti di bei lavori,qui sono persi,svogliati.I ragazzini sono INASCOLTABILI.Il seguito ce lo guarderemo a casa per riderci su.

    RispondiElimina