domenica 27 agosto 2017

FILM SUL TEMPO "QUESTIONE DI TEMPO" E "COLLATERAL BEAUTY"

QUESTIONE DI TEMPO
Un padre (Bill Nighy) svela al figlio Tim (Domhnall Gleeson) al compimento dei suoi 21 anni che lui, come tutti gli uomini della sua famiglia, ha il potere di viaggiare magicamente nel tempo ma non può viaggiare nel futuro o nelle epoche passate. Può solo tornare indietro nella sua linea temporale e cancellare quello che è accaduto nella sua vita per modificarlo in maniera differente (bello, no?). Come? Basta infilarsi in un posto buio come un armadio, concentrarsi e stringere i pugni. E lui sceglierà di sfruttare questo dono per trovare una fidanzata. Un'idea molto originale che il regista Richard Curtis, l’autore di Love Actually e delle sceneggiature di Quattro matrimoni e un funerale e Notting Hill, scrive e dirige alla perfezione unendo humor britannico (si ride soprattutto nella prima parte del film), attori bravissimi e convincenti (su tutti la deliziosa Rachel MCAdams regina delle commedia romantiche, io la seguo dal film "La pagine della nostra vita" e Bill Nighy mentre Domhnall Gleeson non mi ha convinto molto, avrei cambiato attore protagonista) creando una storia dai contorni fantascientifici che si sviluppa come una commedia romantica aggiungendo cenni drammatici ma non esagerando, con una originale colonna sonora (su tutte “Il mondo” di Jimmy Fontana canzone datata 1965!! che risulterebbe fuori luogo al giorno d'oggi, invece è azzeccatissima per questo film). Cosa volere di più? Il film racconta la straordinaria avventura che é la vita, riflette anche sul Tempo che viene spesso sprecato, a volte noi non ci rendiamo conto che perdiamo opportunità, momenti di felicità, di crescita, momenti degni di essere vissuti. Quindi non serve viaggiare indietro nel tempo per cambiare il destino ma è importante vivere appieno il Tempo senza modifiche. È un film sicuramente da vedere, soprattutto per gli amanti dei film British. VOTO 7,5
COLLATERAL BEAUTY
Mancano ancora molti giorni a Natale ma se volete immergervi in una fiaba natalizia, oggi vi presento la recensione di "Collateral Beauty" con Will Smith, una rivisitazione moderna del Canto di Natale che non mi ha convinto molto! ➡
http://www.iltermopolio.com/cinema/collateral-be
VOTO 6-
SIETE D'ACCORDO CON LE MIE RECENSIONI?😊

16 commenti:

  1. Sul primo sono d'accordo, davvero un bellissimo ed emozionante film, bella lei e bravo lui ;)
    Sul secondo invece un po' meno, anche se riconosco questi piccoli difetti e in parte hai ragione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver espresso la tua opinione Pietro!😊 A presto!👋

      Elimina
  2. Il primo non lo conosco, il secondo non mi è dispiaciuto. Non è un film memorabile però mi è piaciuta l'idea di fondo, delle lettere..., poi sull'atmosfera un po' pesantuccia concordo 😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì l'invenzione delle lettere è originale!😊 Se ti piacciono i film british e romantici apprezzerai "Questione di tempo". Buona giornata Angela!👋

      Elimina
  3. Il primo non lo conosco ma mi ispira abbastanza :D Collateral Beauty me l'hanno consigliato in molti ma ancora non l'ho visto!
    https://itsallabouttheglowxoblog.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo merita, il secondo anche, anche se non è memorabile e ha dei difetti!😊 Un abbraccio Lory!😊

      Elimina
  4. "Questione di tempo" mi è piaciuto molto, anche l'attore, in realtà. Non so perché ma ce l'ho visto proprio bene. Sarà che dopo Harry Potter mi rimane difficile non apprezzarlo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto che ha recitato in "Harry Potter" ma al momento non ho presente il suo ruolo.😊 Comunque il film é molto bello, concordo con te Monica!😊

      Elimina
  5. Ciao, Vanessa! Io invece purtroppo non li ho visti nessuno dei due. Ma quello con la McAdams mi ha sempre incuriosito, e devo solo trovare l'occasione giusta per guardarlo ☺☺

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! "Questione di tempo" te lo consiglio vivamente Gresi!😊

      Elimina
  6. Ciao Vanessa.
    Consiglierò "Questione di tempo" a mia sorella che ama i film romantici.
    Per quanto riguarda "Collateral Beauty" mi trovi in disaccordo perché Dickens non c'entra niente: il film parla dell'accettazione del lutto e di come si deve imparare ad amare la vita nonostante le cose non vadano mai come programmato, nonostante il dolore e soprattutto nonostante la morte.
    La frase chiave del film, che ne spiega il senso profondo, è quella pronunciata da Helen Mirren quando incontra in ospedale la moglie di Will Smith appena dopo la perdita del figlio.
    Per questo film propendo per un 10, ed è uno dei pochi a meritarselo pienamente.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Franny. Grazie per aver espresso la tua opinione riguardo il film, é bello confrontarsi su queste cose. É vero il significato di Collateral Beauty é completamente diverso dal Canto di Natale di Dickens. Ho fatto questa associazione, perché ho trovato simile l'ambientazione natalizia e il passato, il presente e il futuro sostituiti da l'amore, la morte e il tempo. Un abbraccio!

      Elimina
  7. Prendi "The butterfly effect" "Un amore all'improvviso" "Le pagine della nostra vita", shakera tutto e otterrai “Questione di tempo”, un film che riesce a cancellare tutti i paradossi spazio temporali.
    Troppo mieloso, una sceneggiatura che a volte va fuori tema, abbastanza prevedibile e anche utopistica. Come si può pensare di tornare indietro nella propria linea temporale per modificare gli eventi negativi cercando di rimediare i propri errori e credere che non ci potranno essere conseguenze nella vita degli altri? Troppo favola.
    Voto 5 e mezzo

    Collateral Beauty, ovvero come accettare la morte del proprio figlio.
    Un argomento trattato con delicatezza e con profondità, bravi gli attori che non hanno mai ecceduto e non sono scaduti nella banalità.
    Il protagonista dopo la perdita del figlio si isola dal mondo, sprofondando di giorno in giorno in un dolore infinito che rischia di portarlo alla perdita della ragione. Solo grazie ai suoi amici e alla moglie che ancora lo ama nonostante sia stata costretta a lasciarlo per non affondare insieme a lui in una spirale senza ritorno, l’uomo un po’ alla volta riesce a tornare alla vita.
    Niente a che vedere con il Canto di Natale, in questo film non c’è uno Scrooge che deve fare ammenda dei suoi peccati, ma un padre costretto a dire addio al proprio figlio.
    Voto 10

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver espresso le tue opinioni riguardo il film Ofelia!😊 "Questione di tempo" é un film molto fiabesco e irreale è vero, ma anche divertente e in un certo senso profondo mentre Collateral Beauty è troppo prevedibile e drammatico, ma mi trovo d'accordo con te riguardo il significato, è completamente diverso dal Canto di Natale di Dickens. A presto!👋

      Elimina
  8. ciao non conosco questi film. Mi hai pero incuriosito. Ciao

    RispondiElimina